spread

Mercati, Bruxelles Germania e Savona

Populismo

Cerchiamo di ragionare un attimo, mettendo in ordine le questioni:
1. Ammettiamo per un attimo che ci sia un complotto contro il nascente “governo del cambiamento” con la speculazione sui mercati ordito dai cattivi, Bruxelles, mercati internazionali e Germania. Certo bisognerebbe capire perché non era un complotto quando accadde durante il governo Berlusconi ma tant’è. Perché subirlo alimentando sospetti su cose che mettono in allarme i mercati, primo fra tutti che l’Italia non voglia onorare il suo debito con i suoi partner internazionali ? Perché non adottare una politica più prudente anche nel quadro di una esigenza di arrivare ad una rinegoziazione dei trattati (che, ricordo, è cosa assai difficile visto che il problema sta nel fatto che siamo i più indebitati nella UE ma sembra che ce lo dimentichiamo spesso, a partire dai chi ha vinto le elezioni) magari creando le opportune alleanze anche con altri partner europei senza allarmare gli altri partner? E’ cosa difficile ma sta nella logica della politica che significa mediare e raggiungere obiettivi possibili.
2. E’ davvero da ingenui pensare che se si minacciano schiaffi a destra e a manca qualcuno non pensi di cominciare a darteli per primo. La speculazione sui mercati, che non si era manifestata finora, ha cominciato ad emergere negli ultimi giorni quando è stato reso noto il famoso contratto i cui contenuti economici sono a dir poco aleatori e che dicono esplicitamente di voler sforare i parametri economici, in sostanza non contenere il nostro debito pubblico che oggi è garantito dal sistema bancario europeo (anche tedesco e americano, il che spiega anche la freddezza dell’altro sovranista Trump nei confronti dei nostri).
3. Il problema non è Savona, che è tutt’altro che un eroe anti-esteblishment essendone parte integrante da almeno un quarantennio, ma il segnale che manderebbe la sua nomina in un momento in cui la speculazione è già in atto e sta bruciando miliardi, rendendo ancora più difficili le ambizioni della politica economica dei contrattisti e già sta colpendo coloro che hanno un contratto di mutuo a tasso variabile (con buona pace della difesa degli interessi del “popolo”).
4. Il braccio di ferro con il Presidente della Repubblica, oltre a cercare di forzarne le prerogative indicate dall’art. 92 della Costituzione (che vale sempre mica a giorni alterni) crea ulteriori danni alle istituzioni oltre che all’economia. Voglio ricordare che non è la prima volta che un Presidente della Repubblica dice no ad un ministro: lo fece Oscar Luigi Scalfaro con il primo governo Berlusconi sulla nomina di Previti a ministro della giustizia (spostato poi alla difesa) per le sue posizioni anticostituzionali e per essere l’avvocato di Berlusconi. Ci possono essere ragioni di opportunità politica che Presidente del Consiglio, forze politiche di maggioranza e Presidente della Repubblica valutano laicamente senza creare strappi alle istituzioni che sono a garanzia di tutti.
5. Io credo che chi ha vinto deve governare, ma con realismo. Personalmente trovo velleitario e dannoso dire che faremo la guerra a tutti quando sappiamo che le economie sono tutte interdipendenti (altrimenti non si comprende perché Salvini, ad esempio, insiste per superare le sanzioni alla Russia che danneggiano le esportazioni delle aziende italiane). A meno che non teorizziamo la realizzazione del “socialismo in un solo Paese”. A parte che chi lo fece in passato fu sconfitto a prezzo di gravi danni per il suo popolo, non mi pare che il prossimo governo sia composto da bolscevichi, anzi.

Bene Area riformista, unica linea possibile

Roberto Speranza

Il Presidente del Gruppo PD alla Camera Roberto Speranza

 

Area riformista pone a Renzi alcune questioni di fondo, legge elettorale, uso delle risorse liberate dall’abbassamento dello spread e della spending rewiew per politiche di contrasto alla povertà e l’istituzione del reddito minimo (con l’incarico da parte del capogruppo del PD Roberto Speranza di predisporre una proposta di legge a Cecilia Guerra ed alla nostra Enza Bruno Bossio con manifestazione a Cosenza, segno che si fa sul serio), una nuova politica per il Mezzogiorno. Nessuna scissione, evento agitato da alcuni, auspicato da altri. Nessuna complicità con la maggioranza ma autonomia. Questa linea è l’unica che può spostare a sinistra l’asse del PD ed è quella che Renzi teme di più. Una scissione servirebbe solo a fare l’ennesimo partitino del 4 o 5 per cento, fuori Continua a leggere