Cultura

Il mio primo giorno di scuola…

Il mio primo giorno di scuola

Nella mia vita ho vissuto tanti primi giorni di scuola: da studente, da docente e, ieri, da dirigente scolastico. Ho avuto la fortuna e l’onore che questo momento vedesse la partecipazione dei sindaci dei comuni sui quali insiste l’IC di Sesto Imolese che sono stato chiamato a dirigere dal 1 settembre di quest’anno. Ringrazio per questo il Sindaco di Imola Marco Panieri e il vicesindaco Fabrizio Castellari, il Sindaco di Mordano Nicola Tassinari e l’assessore Elisa Conti. Ma ringrazio anche i bambini e i ragazzi e i loro docenti che hanno reso questo momento emozionante e indimenticabile. Buon anno scolastico a tutti.

Il mio primo giorno di scuola 2 Il mio primo giorno di scuola 3 Il mio primo giorno di scuola 4 Il mio primo giorno di scuola 6

 

Un nuovo inizio…

Firma come Dirigente Scolastico a Bologna

Oggi ho firmato come Dirigente Scolastico presso l’USR di Bologna. Andrò a dirigere una scuola nel circondario della città. Purtroppo per un meccanismo incomprensibile sono costretto a vivere questa esperienza lontano dalla mia terra che tanto amo. Non per questo il mio impegno e il grande amore che ho per la scuola verranno meno. Cercherò, come sempre nella mia vita, di fare del mio meglio.

Cosenza, “ius soli” il suo “cittadino onorario” Alexandre Dumas…

Alexandre Dumas

Sinceramente trovo le polemiche suscitate dalle destre cittadine conto la delibera del Consiglio comunale di Cosenza sullo “ius soli” di una povertà culturale e di un provincialismo sconcertante. L’argomento più ridicolo è quello agitato sulla non competenza di un Consiglio comunale rispetto ad un tema che riguarda il legislatore nazionale. A parte che la delibera approvata è molto più articolata e certamente tiene conto di questa che è davvero una ovvietà, la verità è che la destra agita questo tema solo per cercare di nascondere la sua contrarietà nel merito. Insomma neanche il coraggio di dire che sono contro. Del resto per le destre non è mai il momento di discutere di diritti, collocandosi all’interno di una visione ultraconservatrice e reazionaria che serve solo ad agitare paure anche attorno a questioni che riguardano il futuro di bambini e ragazzi. Io credo, invece, che il Consiglio comunale di Cosenza abbia segnato uno dei momenti più alti della storia politica di questa città. Con quella delibera è uscito dalle secche del provincialismo e delle piccole beghe di villaggio in cui era ridotto da anni per essere davvero la massima assise politica di una comunità che guarda al mondo “grande e terribile” con l’orgoglio della propria storia e identità. Quella storia che, voglio ricordare alle destre sovraniste cittadine, nel 1863 portò il Comune di Cosenza ad aderire alla campagna per l’abolizione della pena di morte lanciata da Victor Hugo e sostenuta da Alexandre Dumas in Italia. In ragione di quella campagna l’autore dei “Tre Moschettieri” fu insignito, lui francese di nazionalità e mulatto “per sangue”, della cittadinanza onoraria di Cosenza. E nessuno all’epoca, espresse obiezioni ”di competenza”…

E sono cinquantasei…grazie a tutti…

Immagine di cinquantasei

Ringrazio tutti, e siete stati davvero tantissimi, per gli auguri. Cinquantasei anni sono una età in cui purtroppo si comincia a guardare più facilmente indietro che avanti. Personalmente spero di non perdere mai la capacità di tenere gli occhi ben fissati nell’orizzonte del futuro non tanto per me ma per i nostri ragazzi. Ancora grazie e un grande abbraccio a tutti…

Antonello Antonante se ne è andato…

Antonello Antonante

Antonello Antonante se n’è andato. Fondatore dell’Acquario, pioniere del teatro moderno a Cosenza ne ha interpretato in chiare nuova la sua natura di Atene della Calabria. Era uomo ironico e naturalmente empatico. Gli volevo bene. Amava ricordarmi un aneddoto degli anni ‘70 quando era tra coloro che aveva le chiavi di Cosenza visto che era tra gli ultimi a tornare a casa la sera. Alla moglie Dora Ricca, a tutti i suoi familiari e a tutti coloro che lo hanno stimato e amato la consolazione che il ricordo ce lo terrà vicino…

Un pensiero per un uomo di grande cultura e sensibilità rara…

Franco Dionesalvi

Conoscevo Franco Dionesalvi anche se non ci siamo mai frequentati né siamo mai stati amici. Di lui però ricordo, tutte le volte che ci incontravamo, la grande ironia e allegria, che ispirava simpatia. Apparteneva ad una generazione diversa dalla mia e, anche, ad una diversa formazione politica e culturale, spesso polemica con la mia. Ma era sempre un grande piacere parlare con lui. Da assessore di Giacomo Mancini a Cosenza ha lasciato un segno profondo. Si poteva non essere d’accordo con alcune scelte ma non se ne poteva non riconoscerne la ricchezza e la profondità. Oggi lascia Cosenza più povera, in un momento in cui avremmo bisogno del contributo di tanti come lui. Mi dispiace molto. Al fratello Claudio la mia vicinanza…

La notte prima degli esami…

La notte prima degli esami

Ragazze, ragazzi, siamo arrivati. Vi auguro il meglio che possiate desiderare. Adesso cercate di rilassarvi, di stare tranquilli. Domani farete un passaggio di vita che comunque ricorderete sempre. Ma soprattutto ricorderete voi stessi, il bene che vi siete scambiati, gli affetti che avrete fatto crescere. E sarete maturi. È questo il patrimonio più prezioso che dovrete custodire quando la vita del “mondo grande e terribile” vi accoglierà. Un grande abbraccio e in bocca al lupo a tutte e a tutti. È stato un grande piacere ed un onore avere partecipato, sia pure parzialmente, alla vostra formazione.

Il vostro professore di Filosofia e Storia.

 

VIDEO

Cosenza solidale sempre

Immagine per Solidarietà

Voglio esprimere il mio pubblico apprezzamento all’Assessore Damiano Covelli e al Presidente del Consiglio Comunale Giuseppe Mazzuca per avere espresso parole di solidarietà e vicinanza ad Aldo, il simpatico personaggio che anima le strade della nostra città con la sua empatia e con la sua esuberante personalità. Perché una città vive dei suoi abitanti, delle loro storie, della loro semplice esistenza. Violenza e prepotenza, purtroppo, esisteranno sempre. Ma per esse c’è un grande antidoto, appunto la vicinanza e la solidarietà, il sentirsi una sola, grande comunità. Cosenza è e sarà sempre tutti i suoi figli. In questo senso mi sento di fare una proposta al Sindaco Franz Caruso: chiamate in Comune un altro personaggio di Cosenza a cui un network locale ha di recente dedicato un bell’articolo, Aldo detto Lalla, e dategli un piccolo riconoscimento alla sua vita fatta di coraggio, di semplicità, di dignità e orgoglio della propria identità. Non dimentichiamo mai che una città vive di identità, che è il frutto di tante piccole cose e di tanti personaggi ricchi e significativi. Anche questo piccolo gesto può dare la cifra di una Cosenza che sa vivere con orgoglio ciascuno dei suoi figli.

Quicosenza.it

Commenti
    Archivio