Facebook

Io sto con Mattarella senza se e senza ma

Sergio Mattarella sul corpo di suo fratello Piersanti ucciso dalla mafia

Sergio Mattarella sul corpo di suo fratello Piersanti ucciso dalla mafia

Sto cancellando dai miei contatti Facebook tutti coloro che stanno attaccando il Presidente della Repubblica che ha esercitato una prerogativa assegnatagli dalla Costituzione. E’ successo anche in altri momenti della storia repubblicana che queste prerogative siano state esercitate dai Presidenti della Repubblica nei confronti di maggioranze ben più ampie e altrettano sostenute dal consenso popolare di quelle di oggi e nessuno ha urlato a complotti e si è sempre trovato un punto di equilibrio tra i diversi poteri dello Stato. Il Presidente è il Capo dello Stato, garante della Costituzione e dei trattati internazionali. Se si vuole l’Italia fuori dall’euro bisognava avere il coraggio di dirlo a tutti gli italiani con franchezza. Nessuno di questi signori ha fatto la campagna elettorale su questo ma su una giusta esigenza, che condivido, di riefinizione dei trattati. La vera questione è che hanno fatto di Savona un casus belli per andare al voto. Con la Lega che si è giocato i cinque stelle e Di Maio come polli, visto che alle elezioni, scommetto 100 euro contro un fagiolo, si ripresenterà con Berlusconi che si potrà anche candidare. Il tutto sulla pelle degli italiani, con lo spread che si sta già mangiando i mutui e la borsa le imprese. Se volete per l’Italia il destino della Grecia del governo con Varoufakis con la gente che correva ai bancomat, impiegati statali licenziati e pensioni cancellate (altro che riforma della Fornero) dovete avere il coraggio di dirlo agli italiani, Perché nessun partner internazionale rinuncierà ai suoi crediti con l’Italia perché un Savona, un Di Maio o un Salvini qualunque fanno la voce grossa. La rinegoziazione dei trattati vuole politica, mediazione, capacità di costruire alleanze, magari anche unità di tutte le forze politiche italiane, perchè no ? L’Italia si difende così, non con le chiacchiere contro le “inique sanzioni” di mussoliniana memoria, e sappiamo la fine che abbiamo fatto. Io alla Costituzione nata contro quel signore che distrusse l’Italia continuo ad essere attaccato. Io sto con Mattarella senza se e senza ma.

Psicopatologia del fallito esistenziale ai tempi di Internet…

Il fallimento esistenziale

Il fallito esistenziale è uno dei drammi del nostro tempo interconnesso. Prima dell’avvento dei social i falliti al massimo diventavano gli scemi del villaggio, magari circondati dalla solidarietà tollerante dei compaesani. Oggi se ne stanno abbarbicati alla tastiera di Facebook dispensando il loro rancore a piene mani contro tutti coloro che non sono falliti. Perché una cosa non è cambiata: il fallito crede che il suo fallimento sia il frutto di un complotto di tutti contro di lui, che chi ha avuto successo è solo un raccomandato, un imbroglione, un venduto, un lecchino, ecc.. Che solo lui è onesto e puro in un mondo di ladri. E magari ha appena parcheggiato la sua macchina, di cui ha pagato solo la prima rata, nel parcheggio per disabili. L’ideologia del rancore si nutre anche del risentimento sordo e cieco di tanti falliti, di eterni Peter Pan, di gente che è fallita anche nell’esercizio dell’imbroglio. Oggi si ritrovano spesso insieme a tanti altri come loro e a persone, tante, che qualche ragione per essere incazzate ce l’hanno pure e tra di loro si mimetizzano. Con il risultato che stanno trasformando la lotta di classe e per il cambiamento vero in un conflitto individualistico contro tutti i gatti che non riescono a vedere se non bigi. Continuo ad avere per i falliti esistenziali comprensione umana. Per la tolleranza confesso che ci devo lavorare…

L’algoritmo “Scarrelli ? Ti banno…”

Algoritmo

Sarebbe bello se esistesse un programmino con un algoritmo tipo “Scarrelli? Ti banno” con il quale eliminare inesorabilmente i commenti su Facebook che contengono parole tipo: “zoccola, cornuto, troia, stronzo” e tutti gli insulti conosciuti anche nelle loro versioni dialettali. Stesso dicasi per video, foto e disegnini di dubbio gusto. E magari anche per censire e calmierare i commenti scunchiudenti e fuori tema ma lì la vedo più dura. Insomma sarebbe bello un programma che regoli la buona educazione. Che, però, non dovrebbe avere bisogno di algoritmi per essere applicata…