manettari

Cosa significa essere di sinistra

Enrico Berlinguer

“Noi siamo convinti che il mondo, anche questo terribile, intricato mondo di oggi, può essere conosciuto, interpretato, trasformato e messo al servizio dell’uomo, del suo benessere, della sua felicità. La lotta per questo obiettivo è una prova che può riempire degnamente una vita”. È questa una delle frasi più belle, la mia preferita, di Enrico Berlinguer. Quando penso alla mia vita la penso in questa frase. Non ho mai rinunciato, anche ora che mi avvio a compiere i cinquant’anni, a questa lotta, a questa speranza. Si possono commettere mille errori, si possono vivere mille contraddizioni ma se si pensa alla propria vita e al proprio impegno politico come ad un servizio da rendere alla comunità, tutto ritrova un senso, tutto diventa chiaro e la vita stessa degna di essere vissuta. Se con il nostro agire quotidiano saremo riusciti a migliorare la condizione anche di un solo essere umano, avremo vinto. Questo, per me, significa essere di sinistra. Non altro. Lo dico a coloro che ad essere di sinistra hanno rinunciato da tempo, hanno trasformato l’ansia di giustizia in rancore sociale o in un confuso agitare di forche e manette o in una politicistica ricerca della soddisfazione di meschini interessi personali o particolari. Lo dico a tutti questi che nella loro vita hanno tradito mille volte se stessi e si permettono anche di farci la morale. Non eravate nulla, non siete nulla e di voi non resterà nulla. Il mondo, questo confuso, intricato, terribile mondo appartiene a noi che siamo disposti a lottare per cambiarlo, davvero.