Gabriele Petrone

Spirlì la smetta di trastullarsi con la scuola e pensi a vaccinare i calabresi !!!

Nino Spirlì , Presidente f.f. Regione Calabria

Nino Spirlì , Presidente f.f. Regione Calabria

Come era prevedibile il TAR ha annullato l’Ordinanza di chiusura delle scuole di Spirlì.
Anche uno studente di giurisprudenza del primo anno si sarebbe accorto che non stava in piedi dal punto di vista della motivazione amministrativa.
Questo non significa che la situazione sanitaria non possa aggravarsi e richiedere nuove chiusure, ma appariva chiaro anche ad un bambino che è difficile sostenere la necessità di chiudere le scuole e contemporaneamente tenere aperti i ristoranti in zona gialla.
La verità è che Spirlì ha trovato un trastullo nella scuola e ci gioca con grande irresponsabilità invece di preoccuparsi, qui ed ora, di fare i vaccini al personale scolastico come del resto aveva anche annunciato (i dati sotto sono espliciti).

Il Sole 24 ore sulle vaccinazioni nelle scuole italiane. La Calabria ultima.

Il Sole 24 ore sulle vaccinazioni nelle scuole italiane. La Calabria ultima con lo 0 % !

Ma anche il Commissario alla Sanità calabrese Guido Longo dovrebbe smetterla di dare copertura a queste decisioni ballerine ed attivarsi per far vaccinare al più presto, secondo lo scadenzario deciso, la popolazione calabrese. Finora l’unico risultato è stato mettere sotto stress scuola e famiglie. Ora basta !

8 Marzo 2021

Mimose per l'8 marzo

Mimose per la Festa delle donne

Auguri a tutte le donne, per essere sempre più eguali nei diritti e orgogliose della propria diversità. Auguri a tutti gli uomini affinché capiscano finalmente la diversità e non ne abbiano più paura…Buon 8 Marzo…

La saga dei cachielli e dei popoì…

Immagine per "cachiello"

Immagine per “cachiello”

Nel nostro meraviglioso dialetto c’è una espressione che definisce efficacemente alcuni dei personaggi protagonisti dell’attuale vicenda politica: cachielli. Stiamo assistendo, sconvolti e increduli, alla saga dei cachielli e dei popoì. O si è capaci di stare con il popolo e per il popolo (che è cosa ben diversa del populismo che il popolo lo prende per i fondelli) o è meglio che ci lassamo fricà…

La DAD è solo un surrogato di scuola…

Studente in DAD

Studente in DAD

Voglio dire una cosa ai tanti che mostrano di preferire la DAD per i propri figli (e magari nulla hanno da dire sul fatto che questi ragazzi bivacchino in gregge per strada e nelle piazze): la DAD sta alla scuola in presenza come il surrogato sta al caffè. Cerchiamo di essere tutti coscienti di questo, del danno culturale e sociale che si sta producendo sulle giovani generazioni. Per cui suggerirei su questi temi una minore superficialità e la presa di coscienza che tenere le scuole aperte è una priorità assoluta.

Le “gobbe” di Giovanni Giolitti…

Giovanni Giolitti

Giovanni Giolitti

Giovanni Giolitti, se non ricordo male, rispondendo ad una lettera della figlia che criticava la composizione di uno dei suoi governi, diceva “se devi fare un vestito ad un gobbo, devi fare la gobba al vestito”. Non esistono governi perfetti, esistono politiche che possono produrre effetti positivi nel breve, medio e lungo termine. Io credo che questo dobbiamo aspettarci dal Governo Draghi (e su questo incalzarlo e semmai criticarlo) più che discutere delle tante (alcune certamente evitabili, per carità) “gobbe” di alcuni ministri.

La scuola non è un servizio a domanda individuale…

Manifestazione di studenti per la didattica in presenza

Posso dire una cosa ? l L’ordinanza di Spirlì (e di altri Presidenti di Regione) sulla scuola è una sciocchezza indicibile. Invece di pensare ai trasporti, allo screening dei ragazzi e del personale scolastico (che sono dirette competenze regionali) si interviene sulla didattica che è competenza delle istituzioni scolastiche e della loro autonomia e dello Stato. La libertà di scelta è poi una aberrazione giuridica. La scuola è un diritto costituzionale e NON È UN SERVIZIO A DOMANDA INDIVIDUALE. Invece di sostenere la scuola in questo sforzo difficile si emettono ordinanze populiste e per lo più su Facebook e alle 17,30 di sabato. Giusto per creare ancora più confusione. Stendiamo un velo pietoso.

Commenti

    Archivio