Il Sindaco della falsa nobiltà e della miseria vera

Il crollo del manto stradale a Corso Umberto

Il crollo del manto stradale a Corso Umberto

Cosenza sprofonda nel fango delle voragini che si aprono nell’asfalto sotto le ruote dei malcapitati automobilisti, nella cronica mancanza di acqua, nel traffico impazzito per le strade chiuse e le ZTL demenziali predisposte come gigantesche trappole per fare cassa con le multe. E la chiusura di Viale Mancini voluta dal sindaco ufficialmente per la metro, ma in verità per realizzare un fantomatico Parco del benessere, quello che nel frattempo ci sta togliendo. I commercianti non battono chiodo, nei quartieri la miseria è diventata una compagna abituale, non si attivano finanziamenti perché il Comune non mette le risorse di sua competenza per la viabilità alternativa che potrebbe alleviare il traffico cittadino, ma il Sindaco si preoccupa di spendere centinaia di migliaia di euro per far affrescare la sala consiliare e comprare patacche da spacciare come “conio speciale e di pregio” (sic) per la distribuzione dei buoni alimentari alla povera gente. D’ora in poi a Cosenza si sarà pure poveri, ma si potrà pagare aru ntinnu con “conio di pregio” ! Nel frattempo si avvicina il Natale e ricomincia la solita pantomima delle luci e delle paillettes, degli alberi addobbati, ma non si va oltre corso Mazzini. Cosenza è stata ridotta come quelle case dei nobili decaduti che ricevono le persone nel salotto buono per non mostrare la miseria e il degrado delle altre stanze. Ma che ci frega? Tanto abbiamo il Sindaco del fare e della bellezza, per il resto la colpa è sempre degli altri.

Crollo  corso Umberto 2

Il crollo del manto stradale a Corso Umberto

Il crollo del manto stradale a Corso Umberto

Il crollo del manto stradale a Corso Umberto

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>